Scuola alberghiera: quali materie e quali sbocchi professionali?

La scelta dell’indirizzo scolastico è sempre molto importante perché influisce sul proprio futuro lavorativo e sempre più spesso i giovani sono orientati sulla scelta di una scuola professionale che fornisca gli strumenti più concreti possibili per inserirsi nel mondo del lavoro. Al declino delle iscrizioni ai licei – al termine del quale non si possiede un titolo di studio qualificante se non si completa con il percorso universitario – fa da contraltare l’aumento di iscrizioni a istituti professionali: così se il “mitico” Liceo Classico Giulio Cesare di Roma deve aggiornarsi per stare al passo con i tempi, una qualsiasi scuola alberghiera a Roma vede aumentare il numero di chi desidera diventare cuoco o semplicemente lavorare nel settore turistico-alberghiero e della ricezione. Ma cosa si studia alla scuola alberghiera, quanti anni dura e quali sono gli sbocchi professionali reali?

Com’è strutturata la scuola alberghiera

Per scuola alberghiera si intende un vero e proprio istituto pubblici o privati con un percorso di studi ben delineato che esula dai singoli corsi locali istituiti da enti regionali o comunali. Il percorso di studi ha una durata minima di 3 anni o massima di 5 anni. Alla fine del triennio si consegue un diploma professionale che permette di lavorare; chi prosegue e termina il quinquennio consegue un diploma di maturità con qualifica di tecnico dei servizi turistici oppure tecnico dei servizi di ristorazione. Il percorso di studi è diviso in tre indirizzi:

  • Enogastronomia (per chi ambisce a lavorare tra i fornelli);
  • Servizi di sala e vendita (per chi opta per il servizio al pubblico);
  • Accoglienza turistica (per chi desidera lavorare in ambito turistico o nelle strutture alberghiere e ricettive).

La scelta dei tre indirizzi incanala lo studente già verso la specializzazione che conseguirà nell’ambito di interesse.

Le materie che si studiano alla scuola alberghiera comprendono:

  • le discipline tradizionali (italiano, matematica e fisica, storia, geografia, inglese o altra lingua straniera, economia e diritto, educazione fisica, religione); e
  • le materie specialistiche (scienza degli alimenti, nutrizionistica, servizi di accoglienza, laboratori tecnici, gestione delle aziende di ristorazione, economia e tecnica dell’azienda turistica, diritto riguardante la materia del turismo e della ristorazione).

Il percorso formativo comprende, inoltre, la partecipazione a stage presso ristoranti, pasticcerie, alberghi, agenzie di viaggio a seconda dell’indirizzo. Lo stage è un utile strumento per stabilire un primo contatto con il mondo del lavoro.

Quali sono gli sbocchi professionali

Cuoco e cameriere non sono affatto gli unici sbocchi professionali per chi intraprende la scuola alberghiera. Il mondo del turismo e della ristorazione è molto ampia. Inoltre, il conseguimento del diploma professionale quinquennale permette di iscriversi alle facoltà universitarie di Economia del Turismo o Ingegneria Gestionale che consentono di acquisire ulteriori competenze nell’ambito del turismo e dei servizi ricettivi.

Le professioni alle quali si può accedere sono molteplici e a seconda del grado di specializzazione che si vuole conseguire:

  • chef e cuochi (con tutti i livelli professionali intermedi che la categoria comprende);
  • pasticceri;
  • maitre e responsabili di sala;
  • sommellier;
  • camerieri e barman;
  • gestori di locali e/o mense aziendali, scolastiche;
  • consulente gestionale per ristoranti, alberghi, industrie alimentari;
  • food and beverage manager.

Nell’ambito dei servizi turistici, le professioni alle quali accedere sono:

  • portiere;
  • receptionist;
  • addetto all’accoglienza (nei ristoranti, negli alberghi, nelle fiere, nei congressi);
  • hostess/steward fieristici;
  • tour operator;
  • guida turistica;
  • animatore;
  • interprete turistico;
  • manager di agenzia di viaggi;
  • consulente e formatore.

Ciascuna di queste professioni può essere condotta autonomamente oppure presso un ente – pubblico o privato – di promozione turistica o altra struttura ricettiva o sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *