Menu
Novembre 24, 2016 admin 0 Comments

Quali sono le scuole migliori per chi è intenzionato a diventare un traduttore professionale? Tra gli istituti che meritano di essere presi in considerazione c’è di sicuro quello dello Iati, l’International Association Traduttori e Interpreti: si tratta di una scuola gestita da un’associazione di mediatori linguistici e traduttori consulenti professionisti, che mette a disposizione una vasta gamma di master e corsi che permettono di sviluppare e migliorare le competenze in materia: dal master in traduzione di testi religiosi al master di specializzazione in traduzione medica, passando per il master in traduzione terminologista, c’è una possibilità di scelta molto ampia, e non vanno dimenticati il corso di base di traduzione, il corso di abilitazione alla professione e il master di specializzazione in traduzione tecnica e tecnologica.

Anche la European School of Translation si fa apprezzare per la ricchezza della sua offerta formativa: tra i vari corsi a disposizione si segnala quello di traduzione audiovisiva e web, nel corso del quale ci si concentra sulle nuove professionalità che l’evoluzione della tecnologia propone tra speakeraggio, voice over e sottotitolazione.

Ancora, è opportuno dare un’occhiata alle proposte della Ssit, la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Pescara, che permette di seguire corsi e master sia in aula che online. La disponibilità di docenti bilingue professionisti permette agli allievi di seguire un training intensivo basato su esercitazioni di vario genere che riguardano la specializzazione nei settori professionali più diversi, il perfezionamento della lingua e l’apprendimento delle tecniche di interpretariato e traduzione. Se le lezioni in classe sono dedicate a gruppi composti da pochi persone per facilitare lo svolgimento dei corsi, la formazione professionale assicurata online prevede percorsi individuali pensati e messi a punto per offrire il massimo della flessibilità sia dal punto di vista dei contenuti che dal punto di vista delle tempistiche.

Infine, chi vuole cimentarsi come traduttore professionale può mettersi alla prova anche presso la Scuola di Specializzazione in Traduzione Editoriale, che opera nel contesto dei corsi di formazione professionale attivati dalla Città Metropolitana di Torino con il finanziamento del Fondo Sociale Europeo. Questa scuola vanta l’esperienza e le competenze degli specialisti della traduzione che vi insegnano, e intende assecondare la domanda di traduttori sempre più forte in arrivo dalle case editrici. La frequenza è gratuita ma obbligatoria, e per avere la possibilità di prendere parte agli esami finali è indispensabile essere stati presenti ad almeno due terzi del complessivo monte ore del corso in questione.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *